Sandro Bottari nasce a Livorno nel 1977.

Il lavoro artistico di Sandro Bottari ha radici pittoriche. Fin dal 1996 egli svolge una ricerca visiva che tende ad esaltare i rapporti tra i colori e certi segni numerici e paranumerici riversati sul supporto mediante un processo di scrittura emozionale, tuttavia disponibile ad integrarsi nell’impianto compositivo.

La sperimentazione prosegue con il recupero di oggetti, alimenti e imballaggi provenienti dal mondo della grande distribuzione, i quali divengono ingredienti, insieme alla pittura (che non verrà mai rinnegata) di una ricerca visiva e comportamentale aperta e multiforme. L’armamentario personale, ormai costituito e avviato, si arricchirà poi di gesti, suoni, citazioni, rumori, parole, indumenti, azioni.

Le numerose e significative esperienze installative e performative si avvalgono con dovizia di tutto questo materiale, che diviene oggetto di un giuoco continuo di accostamenti e scostamenti, occultamenti e recuperi, esplosioni e implosioni; un materiale che, riversato e agito in ambito comportamentale, rende il conto di un’esistenza creativa originale e complessa, che rifugge dall’appagamento dell’acquisito e si realizza invece nella inesauribile ricerca di un fine estetico ed etico tanto necessario ed attraente quanto ignoto e irraggiungibile.

Tappa di tale percorso è la recente produzione in serie di opere denominate “Sottovuoto”, esito di un probabile desiderio di sintesi, pur parziale e non definitiva, tra le istanze visive e quelle comportamentali, delle quali la ricerca di Sandro Bottari si nutre da sempre.

 

The artistic work of Sandro Bottari has roots in painting. Since 1996, he carries out a research on visual expression, aimed at enhancing the relationship among certain colors, numbers, and quasi-numerical signs poured onto the support through an emotional process of writing, yet, willing to integrate in the whole composition.
His research experiments the retrieval of objects, food and packaging from the world of retail, which become ingredients, along with the painting (which is never denied) of a visual and behavioural research, open and manifold. The 
paraphernalia , already set and started, then will be enriched by gestures, sounds, quotes, noises, words, clothing, and actions.
The numerous and significant installations and performances use in great deal this 
material , which becomes the object of a continuous game of matching and variance, cover-ups and recoveries, explosions and implosions; this material, stored and acted in a behavioral context, shows a complex and original creative existence, shunning from being satisfied of temporary achievements, but rather realising an endless search for an aesthetic and ethical objective so necessary and attractive as unknown and unreachable.
Stage in this path is the recent production of in serie works called "Vacuum", which is the result of a desire of synthesis, though partial and not definitive, between visual and behavioral needs that always feed the research of Sandro Bottari.

Eventi e mostre selezionate

 

Ha compiuto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Firenze, presso le Scuole di pittura e Arti visive multimediali dei professori Andrea Granchi, Gianna Scoino e Giorgio Ulivi. Attualmente vive a Livorno.

 

1998

  • 1°Biennale Internazionale di Arte Contemporanea, cur. G.Politi P.Nardon, Flash Art Museum, Trevi

1999

  • Passi d’artista e Progetto in-cubo, cur. Ass.Firenze Metropoli, P.zza Uffizi, Firenze 
  • Personale Ein Yahr - Un anno, cur. L.Tresnak, Stadtgalerie di Brunico

2000  

  • Luci diverse, cur. M.Steinberg, Galleria Vialarga, Firenze 
  • Personale Juvenilia, a cura de La Casa dell'Arte, Palazzo Marini, Rosignano M.

2001  

  • Personale sanbot cur. M. Nosiglia, Ass.Cult.Ensamble, Livorno
  • Personale Numeri, Circuito Arcigola Arte, cur P.Gramigni e G.Videtta, Bagno a Ripoli

2002

  • Giovani artisti alla Limonaia di Villa Strozzi , cur. L.Vecere, Firenze
  • Luoghi cur. G. Videtta, presso BZF, Spazio Vallecchi, Firenze
  • III^ Rassegna Biennale dei Giovani Artisti, Palazzo Lanfranchi, Pisa

2003

  • Opus Liber, Libri d’artista, cur. M. Picciau, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
  • Laboratorio territoriale Networking cur. M.Scotini e Stalker, Livorno
  • Workshop Effetti Contemporanei con B. Peinado, cur. React, Livorno
  • Performance La Metamorfosi di Grubi, cur. P.Gramigni, Galleria Biagiotti, Firenze
  • Workshop You’ve red between the lines, cur. R. Aller e Galleria Dryphoto e Officina Giovani Prato 

2004  

  • Metter mano lasciar mano, cur. R.Alberti e G. Pozzi, in coll. V. Sieni, C. Goldonetta, Cango, Firenze 
  • Traum Fabric xm24 atto 1°, espressioni atipiche per spazi atipici, Ass. Labo, Bologna 
  • Personale Another eye Sala Gragnani cur. KinoDessè, Livorno 
  • Provincie d’Arte, cur. C. Olivieri e R.Sateriale, Palazzo Panciatichi, Regionale Toscana, Firenze 
  • 1° Simp. CresperimentART, cur. Art’n Sound, C. Pepi e D. Gennai, Crespina, Pisa
  • Tracce Fuoricentro, cur. G. Bindi e P. Landi, Tra Art, Fuoricentro, Livorno
  • Performance Implosione: vita di corpo e cartoni, cur P.Gramigni, Galleria Viafarini, Milano

2005

  • IV^ Biennale Giovani Artisti, cur. D.Gennai, S. Bottinelli, S. Risaliti, Staz.Leopolda, Pisa
  • Seconda Implosione, Idealoghi, cur. Fabrizio Paperini, Bottega Caffè,  Livorno
  • Strani Incontri, Rotte metropolitane, cur. L.Bruni, Spazio SESV, Firenze
  • Personale Roma implosione, cur. Gerika, Erika Gabbani, Studio Fupete, Roma

2006

  • Personale a due Implosion, ARTeatro, cur. C.Olivieri, Com.Livorno, Teatro Commedie
  • ARTOUR-O a Firenze, cur. G.Di Marzo, Grand Hotel Minerva, Firenze
  • Biennale del libro d’artista, cur. Studio A’87, Viaindustriae, Museo Arch. Stat. , Spoleto
  • Attenzione alle teste, Arte come corpo come pensiero, cur G.Videtta, Palazzo Pretorio Buggiano Castello, Pistoia
  • Performance Antologica, cur C.Coppi, Z.Gruni, A.Lunardi, Studi8, Pistoia
  • Rass.Naz.Arte Effimera, cur. La Casa dell’Arte, Corpus1 Zerotre, Fortezza Vecchia, Livorno

2007

  • III Encuentro Internacional de Performance, Centro de Arte Moderno, Madrid
  • Il Pane, ovvero l'arte di vivere, cur. L.Sireno e P.Bottari, Studio 149, Cascina
  • Libro d'Artista Oggetto LIBERo, cur. A.Granchi, Sala Cenacolo Acc. Belle Arti, Firenze
  • Giocalarte. A scuola con gli artisti , cur. G.Batini, Ex Granai di Villa Mimbelli, Livorno
  • Tra arte e cinema, rass. Videoart, cinema Alfieri, Firenze

2008

  • Personale a due Scritture per essere, cur. C. Zoppi, Atelier delle arti, Livorno
  • Install'Azioni Inequazione, cur.Fosco, Spazio Equazione, Tolentino    

2009

  • Art' in Montespertoli, Io salverei ... , cur F.Strigoli, Montespertoli
  • Punto di vista, cur. M.Filippelli, Centro Michon, Livorno
  • Art Break Party, cur. P.Bortolotti, L. Giotti, C.Isola, Centro Arte Contemporanea Pecci, Prato

2010

  • Start Point 2010 Accademia in mostra, cur. G. Pozzi, L. Vecere, S. Ragionieri, Ist. degli Innocenti, Firenze
  • Vizi di forma, cur. F. Pepi, Fornace Pasquinucci, Capraia Fiorentina
  • Incontemporanea, cur. B. Sullo, Sala dei Molini, Castagneto Carducci
  • Lune inquiete, cur. F. Pepi, Mercanzia, Certaldo          
  • Fattorie d’arte, percorsi d’arte contemporanea, cur. F. Pepi, Fattoria Villa Ciuti, Crespina 

2011

  • Rassegna Action Poetry, Galleria Peccolo, Livorno
  • Imbusta l’arte, cur. F. e M. Bartolozzi White Art Gallery, Merano
  • La Casa dell’Arte e i suoi amici, Galleria Il Melograno, Livorno
  • Personale a due Vuoti di memoria, cur. A.Bertelli, Museo Le Stanze della memoria, Barga

2012

  • Partecipazione a BAU NOVE, Contenitore di Cultura Contemporanea, cur.Ass.BAU